Harry Potter e la Pietra Filosofale

Titolo originale: Harry Potter and the Philosopher’s Stone
Autrice: J.K. Rowling
Traduzione: Marina Astrologo
Illustrazioni: Serena Riglietti
Genere: Romanzo
Dedica: a Jessica, che ama i racconti, ad Anne, li ama anche lei, e a Di, che ha sentito questo per prima.
Prima Edizione: maggio 1998
Prima Edizione in Gran Bretagna: febbraio 1997
Editore: Adriano Salani
Editore inglese: Bloomsbury
Ma è contro le nostre leggi” disse Ron. “L’allevamento dei draghi è stato dichiarato fuori legge dalla Convenzione degli Stregoni del 1709, questo lo sanno tutti. E’ difficile non farsi notare dai Babbani se alleviamo un drago in giardino, e comunque non si possono addomesticare: troppo pericoloso. Dovreste vedere le bruciature che si è beccato Charlie in Romania coi draghi selvatici”.

Recensione
Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni come quello di farsi ricrescere i capelli, inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione dell’undicesimo compleanno, gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Nello scatenato universo fantastico della Rowling, popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano, la magia si presenta come la vera vita, e strega anche il lettore allontanandolo dal nostro mondo che gli appare ora monotono e privo di sorprese. Il risveglio dalla lettura lo lascerà pieno di nostalgia, ma ancora illuminato dai riflessi di quel lussureggiante fuoco d’artificio.

Commenti dei giornali

“Un libro che parla di cose importanti in modo semplice, che coinvolge ma non turba, che spaventa e rassicura insieme e che molto spesso fa ridere”
– Corriere della Sera –
“Arriva Harry Potter e leggere è come volare”
– la Repubblica –
“Harry Potter diventerà ben presto un’icona dell’immaginario collettivo”
– Specchio della Stampa –
Elenco e riassunti dei Capitoli

Argomenti collegati

Reportage su La Pietra Filosofale.

Lo sapevi che…

  • Harry Potter e la Pietra Filosofale è stato tradotto perfino in Latino (Harrius Potter et Philosophi Lapis), in Welsh (Harri Potter a Maenyr Athronydd), in Irish (Harry Potter agus an O’rchloch) e in Greco Antico.
  • Salazar Serpeverde (mago di cui Lord Voldemort si dichiara l’erede), non a caso porta il nome del dittatore fascista portoghese Antonio de Oliveira Salazar. J.K. Rowling ha infatti passato una parte della sua vita in Portogallo, insegnando inglese nelle scuole.