Animali (davvero) fantastici: quando la zoologia si ispira a Harry Potter

By  |  0 Commenti

Non è il solo Mondo Magico a svelarci creature fantastiche. Lo sanno bene gli zoologi babbani, che sempre più spesso si ispirano J.K. Rowling per dare un nome alle nuove scoperte.

Ad oggi, sono ancora moltissime le specie animali non ancora scoperte: si stima che l’86% del regno animale presente sulla Terra non sia ancora stato classificato. Ecco perché ogni nuova creatura trovata viene celebrata con così tanta enfasi.

E’ comunque assai curioso vedere come molte creature prendano spunto dal Mondo Magico: ecco gli “animali fantastici”:

Denti piatti ma affilati, lunga coda, creste ossee lungo tutta la spina dorsale: quella che sembrerebbe la descrizione di un drago è in realtà l’aspetto che doveva avere il Dragorex Hogwartsia, un dinosauro della famiglia dei Pachycephalosauridae: sarebbe vissuto circa 66 milioni di anni fa, nel Cretaceo Superiore, nell’attuale Nord America.
Dall’esame attuato sui denti si deduce che doveva essere erbivoro, e la sua particolare configurazione corporea lo aiutava a sfruttare la sua velocità per salvarsi dagli attacchi dei predatori, mentre il cranio ispessito doveva essere utilizzato negli scontri con altri esemplari della stessa specie.
Il nome della specie (“drago re di Hogwarts“) fu suggerito dai giovani visitatori del museo, che trovarono una forte somiglianza con le specie di Draghi presenti nella saga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come dimenticare i terribili Dissennatori, le spietate guardie della prigione di Azkaban che succhiano via l’anima? In loro onore ecco la Ampulex dementor, la spaventosa vespa Dissennatore, ed è solo una delle 139 nuove specie animali e vegetali  scoperte nel 2014 da una spedizione del Wwf nel Greater Mekong. La vespa appartiene a un gruppo di specie imitatrici delle formiche, ma era rimasta senza nome fino a che i ricercatori non hanno pensato di farlo scegliere ai visitatori del Museo di Storia Naturale di Berlino.
Il Wwf la descrive come: “una vespa che ruba il libero arbitrio alla sua preda con una sola puntura prima di mangiarsela viva, come un mostro uscito da un libro di fiabe (…) il Dissennatore caccia scarafaggi, iniettando un veleno nella massa di neuroni nella pancia della sua preda  che trasforma lo scarafaggio in uno zombie passivo. Il veleno della vespa blocca i recettori del neurotrasmettitore octopamina, che è coinvolto nell’avvio di movimento spontaneo. Con questo bloccato, lo scarafaggio è ancora capace di muoversi, ma non è in grado di dirigere il suo corpo. Una volta che lo scarafaggio ha perso il controllo, la vespa trascina per le antenne la sua stupefatta preda in un riparo al sicuro per divorarla“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Certamente ricorderete lo spaventoso “Sectumsempra“, il macabro consiglio “contro i nemici” del Principe Mezzosangue. Dal nome di questo incantesimo viene la denominazione scientifica di una lucertola, la Clevosaurus sectumsemperLa lucertola, nota precedentemente come “Lucertola di Gloucester“, e’ stata scoperta da una studentessa dell’Università di Bristol, Catherine Klein, che in quelle che sembravano normali pietre catalogate ha trovato appunto il fossile dell’estinto rettile.
E’ stata la stessa studentessa ad affibbiarle il nome. Non era un animale molto grande: misurava appena 11 centimetri ma aveva denti affilatissimi come lame, da qui la scelta di dare il nome ‘sectumsemper’, che in latino, piu’ o meno, significa “taglia sempre“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Infine, il nuovo arrivato: è piccolissimo, eppure non si può fare a meno di notare la sua straordinaria somiglianza con il Cappello Parlante. Si tratta di una nuova specie di ragno appartenente alla categoria Eriovixia: lungo appena 7 millimetri, è stato trovato nella foresta Khan del Western Ghats nel sud-ovest dell’India.
La particolarità del suo corpo gli consente di mimetizzarsi perfettamente con l’ambiente, riuscendo talvolta a scampare agli attacchi dei predatori poiché scambiato per una foglia secca.
Il team di naturalisti che ha scoperto questa creatura non ha potuto fare a meno di chiamarla Eriovixia gryffindori, proprio in onore del Cappello che Godric Grifondoro lasciò ad Hogwarts con il compito di Smistare i nuovi studenti nella Casa giusta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La scoperta non ha lasciato impassibile J.K. Rowling, che si è subito complimentata:

 

Commenti

commenti