PotteRaduno Novegro: un’esperienza magica!

By  |  6 Commenti

Nel week end dell’1/2 febbraio, un gruppo di impavidi Giratempini provenienti da tutta Italia si è ritrovato al Potteraduno alla fiera del fumetto di Novegro. La vostra inviata Hermione Jean Granger è qui per rivivere con voi la fantastica esperienza che abbiamo vissuto!

Entrare alla fiera del fumetto è un’esperienza sconvolgente: tantissime persone in cosplay (i manga dominano, insieme a tutti i Potteriani in divisa), stands di tutti i tipi, colori, profumi e tante persone di tutte le età che chiacchierano, ridono, mangiano e stanno in allegria. La passione per i libri e i fumetti unisce davvero le persone, che si ritrovano a condividere esperienze indimenticabili.
Tuttavia, nulla è paragonabile all’enorme emozione che si prova entrando nel padiglione dedicato a Harry Potter: pura magia. La prima cosa che si può ammirare è una riproduzione del binario nove e tre quarti, vicino al quale ci sono le indicazioni per Hogwarts, Ollivander, Nocturn Alley, Diagon Alley, il Campo da Quidditch e il Paiolo Magico.

Dove si va?

Poi, camminando nei tre corridoi dedicati al nostro maghetto preferito, le aspettative non vengono deluse: la magia si può quasi respirare. Si può acquistare di tutto: bacchette, bellissimi blocchi fatti a mano, medaglioni, boccette di pozioni, scope e gadget di ogni tipo. Su un bancone, fanno bella mostra di sé la spada di Grifondoro e il cofanetto della nuova edizione dei libri di Harry Potter, che poi verranno messi in palio per due fortunati vincitori (che non saranno, ahimè, dei nostri).

Le persone che ammirano gli stand in divisa sono tantissime: i colori delle quattro casate si mischiano e si combinano, formando un bellissimo gruppo eterogeneo di Potterheads. La merce esposta ipnotizza lo sguardo, le luci sono soffuse e non si può fare a meno di continuare a camminare percorrendo il padiglione, trovando ogni volta qualche genere di meraviglia in più: alla fine, esausti, ci si può fermare a bere una burrobirra al Giratempo pub, oppure ammirare i bellissimi cosplay che sfilano per la fiera. Tra questi, colpisce quello di Remus Lupin: sembra di avere a che fare con il vero affascinante professore di Difesa Contro le Arti Oscure! La vostra inviata si è presa un bel po’ di infarti.

Non è uguale?

Le attività proposte sono molte e varie: nel pomeriggio abbiamo partecipato a un quiz di Harry Potter, poi c’è stata la caccia al tesoro di Giratempo Web. Vedo in giro tantissimi bambini e questo, sinceramente, mi fa sperare bene per il futuro. Harry Potter è una saga che insegna valori ben precisi, che vale la pena di tramandare alle nuove generazioni: mi conforta che anche i più piccoli possano conoscerlo e apprezzarlo.

C’è stato anche un incontro con Serena Riglietti, l’illustratrice della prima edizione italiana di Harry Potter: ascoltare la sua esperienza è stato senza dubbio interessante. Dopo aver spiegato le sue tecniche di disegno, matita e acquerello, ha posto l’accento soprattutto sul fatto che i giovani debbano seguire i propri sogni e credere in se stessi, come ha fatto lei. Sicuramente un bell’esempio!

Parte di copertina di del secondo capitolo della saga

Dopo una giornata magica, si può vivere una serata ancora più incantata: infatti, ci aspetta “Una sera ad Hogwarts”. La serata si tiene in un padiglione a parte: c’è un grande tavolo e il buffet, mentre sul palco Rita Skeeter e Gilderoy Allock cominciano a presentare la prima attrazione, uno spettacolo gospel in stile Harry Potter. Si fanno le foto di gruppo: i Grifondoro sono i più numerosi e non stanno nemmeno nello sfondo. Se solo tutti questi Grifi fossero iscritti a GW…!

Grifondoro

Dopo essersi rifocillati e aver ascoltato musica dal vivo, l’attenzione può essere rivolta totalmente alla scena, dove si svolge il “Giallo party”, un’improvvisazione attoriale molto divertente che vede in scena i quattro campioni Tremaghi. Ci si divide in gruppi per risolvere il mistero di Fleur pietrificata, Harry svenuto, Cedric steso da un pugno e Krum trasformato in una scimmia: alla fine, il gruppo Giratempo web è quello che si avvicina di più alla soluzione, grazie ai suoi brillanti componenti. La serata si conclude con una gara di karaoke, e anche qui Giratempo trionfa sugli altri partecipanti! Dopo aver reclutato nuovi iscritti al forum e nuovi partecipanti per l’Hogwarts Week, la serata termina e tutti i giratempini possono tornare a tirare le fila della fantastica avventura vissuta insieme.

Noi c'eravamo

  • Angelo ha detto :WOW!!

    Semplicemente Magico

  • Bellooo!!

  • Hermione Jean Granger

    Gabriele, dì a quella dolcezza d Angelo che sono lusingata e che gli mando un bacino! :*
    Grazie Andrea 🙂

  • GinevraLovegood

    Che bello rivivere tutte le esperienze di quel weekend! E’ stato davvero magico *-*
    Bellissimo articolo 😀

    • Hermione Jean Granger

      Grazie mille! 😀