Intervista a Ben Hibon, regista del corto animato di Harry Potter 7

By  |  4 Commenti

Ben Hibon regista del corto animato della storia dei tre fratelli in Harry Potter e i doni della morte Parte 1 è stato intervistato dalla bestmovie oggi a Milano in occasione di un tour promozionale delle edizioni home video rilasciate giorno 15 aprile !

Di seguito potete leggere l’intervista !

BEST MOVIE: Quando e come hai iniziato a lavorare a I doni della morte  – Parte 1?
BEN HIBON:

«Son stato contattato dal produttore David Heyman e dal regista David Yates, che avevano visto le mie opere precedenti. Durante la lavorazione del film, avevano deciso di realizzare una sequenza particolare per portare sul grande schermo la fiaba dei tre fratelli. Volevano che fosse qualcosa di diverso da tutto il resto e per questo hanno pensato a un approccio differente per la scena: un cortometraggio d’animazione».

BEST MOVIE: Come si è svolta la collaborazione con il regista David Yates?
BEN HIBON:

«Abbiamo lavorato a stretto contatto. Siamo partiti dalla sceneggiatura (scritta interamente da Steve Kloves, compresa la parte relativa al corto, ndr) e abbiamo cominciato a discuterne. La saga di Harry Potter fa parte ormai da tempo dell’immaginario collettivo e l’intento era di creare qualcosa di nuovo e interessante con questa scena».

BEST MOVIE: Avevi letto i libri di J.K. Rowling prima di approcciarti allo script? Cosa ne pensi della saga?
BEN HIBON:

«Sì, certo. Avevo letto i libri. Harry Potter è un fenomeno mondiale, tratta temi universali. L’autrice ha creato un un universo ricco e meraviglioso. E’ una grande storia».

BEST MOVIE: Come mai hai scelto una sorta di ombre cinesi per raccontare la leggenda dei doni della Morte?
BEN HIBON:

«L’intento era di creare qualcosa di ancestrale, di antico, ma semplice allo stesso tempo. Oserei dire quasi naive. Abbiamo cercato un modo per stilizzare il racconto il più possibile e la scelta è ricaduta appunto su queste ombre, delle silhouettes, che sono al tempo stesso affascinanti e hanno un enorme impatto grafico».

BEST MOVIE: Quali elementi del romanzo di J.K. Rowling avete scelto di preservare in questa versione cinematografica della fiaba dei tre fratelli?
BEN HIBON:

«Di sicuro la storia in sé, che è rimasta immutata. Ovviamente ne ho realizzato una visione personale».

BEST MOVIE: Quale messaggio hai scelto di privilegiare nella trasposizione?
BEN HIBON:

«Era importante far emergere il potere della Morte, della sua essenza manipolatrice. Ma abbiamo voluto che lo spettatore si sentisse a suo agio, come se gli venisse raccontata una storia già nota. L’obiettivo era ricrere quell’atmosfera di familiarità, quelle sensazioni dell’infanzia che si provano quando la nonna ti racconta una favola, che in realtà conosci già e ti senti al sicuro, anche se il racconto fa paura, perché lo conosci. In quel momento i tre protagonisti (che si trovano a casa del padre di Luna per ottenere delle informazioni su un simbolo di fronte al quale si imbattono di continuo, ndr), che sono in fuga per tutto il film, sono finalmente in un luogo che sentono sicuro».

BEST MOVIE: Hai avuto modo di vedere qualche scena dell’ottavo film della saga? Puoi darci qualche anticipazione?
BEN HIBON:

«Posso solo dirvi che la seconda parte avrà un sapore completamente diverso, ma sarà complementare alla prima. Alla fine vi sembrerà di aver visto un unico grande film».

BEST MOVIE: Hai incontrato Daniel Radcliffe, Rupert Grint ed Emma Watson sul set? Qual è stata la tua impressione?
BEN HIBON:

«Erano davvero tutti molto impegnati sul set. Li ho conosciuti poco, ma sono tutte persone adorabili. Ho interagito di più con Emma perché è sua la voce che racconta la storia dei tre fratelli, anche se non abbiamo lavorato direttamente insieme».

BEST MOVIE: Tornando indietro ai tuoi lavori precedenti, quali sono le differenze maggiori tra dirigere un videogame e un film d’animazione?
BEN HIBON: «In realtà sono approcci molto simili. La differenza sta forse nelle modalità del racconto. Nei videogame c’è un continuo switch tra immagini passive e attive, che presuppongono una maggiore interazione del giocatore rispetto allo spettatore del cinema».

Click to view full size imageBEST MOVIE: Puoi anticiparci qualcosa sul tuo prossimo progetto? E’ vero che stai girando un lungometraggio? Di cosa si tratta?
BEN HIBON:

«Sarà un film d’animazione e live-action, ma per ora il progetto è ancora in fase di sviluppo. Magari ne parleremo in una prossima intervista».

Fonte:bestmovie

Chiacchieriamo!

4 Commenti
  1. Ginny

    20 Aprile 2011 at 21:05

    *.* Non vedo l’ora che esca l’ultimo filmm 🙂
    A mio parere la fiaba dei tre fratelli è stata illustrata in modo magnifico e faccio i complimenti a Ben Hibon anche per la sua interpretazione personale

  2. chiara

    20 Aprile 2011 at 22:24

    Wow!
    Ho adorato il racconto dei Tre Fratelli e sono davvero contenta di aver scoperto nuove info su questa parte meravigliosa del film =)

  3. Ginny 96

    20 Aprile 2011 at 22:51

    Ha fatto un lavoro magnifico!!! La storia dei tre fratelli è davvero perfetta! E mi ha fatto piacere vedere qualcosa di diverso…
    Non vedo l’ora di vedere la seconda parte!

  4. Antonio

    7 Giugno 2011 at 01:52

    CIAO QUALCUNO SA COME CONTATTARE IL REGISTA GLI VOGLIO CHIEDERE SE VUOLE REALIZZARE UN FILM CHE RIGUARDA UN CARTONE ANIMATO