J.K. Rowling rivela particolari interessanti sul Velo dell’Ufficio Misteri!

By  |  8 Commenti

L’autrice del libro Harry, una Storia, Melissa Anelli, ha pubblicato nel sito ufficiale del libro un’intervista nella quale la scrittrice J.K. Rowling ci parla del tanto misterioso velo dell’Ufficio Misteri. Ricordiamo che sono già passati molti mesi da quando Jo ci ha rivelato nuovi dati dopo il rilascio dei Doni della Morte.

In questa intervista, J.K. Rowling ci spiega perchè alcuni personaggi ascoltano le voci dietro il velo e perchè altri non le sentono. 

J.K. Rowling: Tutti quelli che desiderano andare oltre il velo.

Melissa Anelli: Questo è sicuro, ma ci sono diverse cose che come fan, desidererei sapere. Molti fan vedono il velo come una separazione…

JKR: E’ la divisione tra la vita e la morte. Ho cercato di parlare di questo menzionando qualcosa nella Storia  dei Tre Fratelli – “separata da lui come un velo“. Non si può tornare indietro se si attraversa il velo, non si può tornare. O non si può tornare in alcuna forma che possa far felice qualsiasi persona.

Ma quando hanno girato le scene del velo [nel film Harry Potter e l’Ordine della Fenice], hanno calcato di più il grado di scetticismo o di credenza rispetto a quello che risiede aldilà – Luna, per esempio, è un personaggio scettico. Luna crede fermamente nella vita dopo la morte. E’ molto evidente questo. E lei li sente parlare o li ascolta molto più chiaramente di quello che sente Harry. E’ l’idea sulla fede. Harry pensa di poterli sentire; lui crede questo. Ma Harry ha avuto una vita molto condizionata dalla morte e ora possiede una forte e strana curiosità verso la vita dopo la morte, specialmente per un ragazzo di 15 anni, come è lui nella Fenice. Solo Ron era spaventato, come credo che Ron sarebbe stato – solo lui sa che questo è qualcosa con il quale non vuole niente a che fare. Hermione, super-razionale Hermione. “Non sento niente”. Allora se passa attraverso il velo c’è la morte. E’ morta. Ciò che c’è di buono dall’altro lato, è la domanda.

Anch’io credo nella vita dopo la morte anche se sono piena di dubbi che ci sono sempre stati, ma li hai.

Non ho previsto, anche se avrei dovuto farlo, il grande interesse che la gente avrebbe avuto nell’attraversare il velo. E moltissima gente, incluso Dan [Radcliffe], desiderano attraversare il velo, ma non mi sorprende, dato che gli adolescenti sono molto curiosi.

MA: Dan desidera andare aldilà del velo…

JKR: Si, lo desidera, ma non letteralmente attraverso il velo.

MA: Non attraverso. Ginny, Ginny però può ascoltarle perchè lei è..

JKR: Credo che le ragazze siano più propense a sentirle dei ragazzi. [Ginny e Harry] sono veramente anime gemelle. Credo che lei sia come Harry. Ha una curiosità intellettuale e possiede qualcosa in cui credere. Hermione è totalmente razionale. “Torniamo indietro, allontaniamoci dal velo e facciamo finta di non sentire niente“.

J.K.R. ci ha risolto così alcuni dubbi che avevamo sul fatto che qualcuno riesca a sentire o meno le voci al di là del velo. Ora molti avranno risolto i propri dubbi, altri forse ne avranno ancora di più. 
Voi cosa ne pensate?

Chiacchieriamo!

8 Commenti
  1. *Summer*

    26 Settembre 2008 at 13:33

    Cavolo wow!!si il fatto della morte l’avevo isteso da sola…il fatto della razionalità mi fa capire sempre più quanto questa donna sia intelligente.Riesce a collocare argomenti così complessi in piccole cose.Io la amo è un genio.

  2. Emanuele

    26 Settembre 2008 at 15:02

    Pure io, è il mio mito!!!

  3. marko

    26 Settembre 2008 at 18:09

    Ciao! ^^ Grazie per aver riportato e tradotto l’articolo, ma secondo me ci sono degli errori di traduzione. Non parlo di imprecisioni o imperfezioni nella lingua o nella grammatica, ma di particolari che a mio avviso possono far cambiare e quindi fraintendere quello che voleva dire Jo. Ho letto l’articolo in inglese originale direttamente dal sito del libro di Melissa e mi sembra che in alcune parti hai frainteso il senso del messaggio (o se non l’hai tradotta te ha sbagliato chi l’ha fatto al tuo posto). Non è una critica, vorrei solo dare un supporto al sito.

    _Jo non parla di come hanno girato la scena del Velo nel film, lei intende come lei ha descritto nel libro il momento in cui i personaggi circondavano il Velo (“But when they surround that veil [in Order of the Phoenix], I was trying to show that depending on their degree of skepticism or belief about what lay beyond.” – “Ma quando circondano quel Velo [nell’Ordine della Fenice], io ho cercato di mostrarlo dipendentemente dal loro grado di scetticismo o credenza riguardo a coi giacesse dietro di questo.”
    La tua traduzione (“Ma quando hanno girato le scene del velo [nel film Harry Potter e l’Ordine della Fenice], hanno calcato di più il grado di scetticismo o di credenza rispetto a quello che risiede aldilà”) è quindi completamente errata, e, non capisco come sia possibile, ma focalizza l’attenzione su come è stato girato il film e non sul libro di JKR, quindi anche se quello che scrivi fosse giusto sarebbe comunque non-canon perchè deciso dal regista e non dalla autrice.
    _Dici che Luna è un personaggio scettico, completamente l’opposto rispetto all’originale “Luna, of course, is a very spiritual character”, e infatti subito dopo di contraddici dicendo che Luna crede nella vita dopo la morte.
    _Nel testo originale è usato il termine “feel” che significa sì sentire, ma con un’accezione diversa da quella usata da te nel binomio sentire-ascoltare, è una cosa molto più profonda e spirituale, significa avvertire, provare, sentire con l’animo, non con le orecchie, e appunto accentua la sovrannaturalità e l’incorporeità del fenomeno.
    _Dici che “Solo Ron era spaventato”, ma non è vero, non possiamo sapere se anche gli altri fossero spaventati o meno, ed è molto probabile visto che avevano quantomeno i Mangiamorte alle costole, o almeno non era quello che l’autrice voleva comunicare quando dice: “Ron’s just scared – Ron era soltanto spaventato”. E ripeti l’errore anche successivamente sempre nei confronti di Ron: scrivi “solo lui sa che questo è qualcosa con il quale non vuole niente a che fare” invece che “sa soltanto che è qualcosa con cui non vuole avere nulla a che fare – he just knows this is something he doesn’t want to dabble with”.
    _”Hermione, super-razionale Hermione. “Non sento niente”. Allora se passa attraverso il velo c’è la morte. E’ morta. Ciò che c’è di buono dall’altro lato, è la domanda.” Da quello che scrivi io capisco che se Hermione passasse attraverso il Velo morirebbe perchè è troppo razionale, quindi questo implica che se qualcuno meno razionale e più spirituale come Luna o uno degli altri personaggi che riescono a sentire le voci attraversasse il Velo non morirebbe. Invece l’autrice dice, con un generico “you – tu”, che chiunque passa attraverso il Velo è morto (“if you walk through the veil, you’re dead.You’re dead.” Hai frainteso anche la successiva proposizione: “What you find on the other side, well, that’s the question” non è traducibile con “Ciò che c’è di buono dall’altro lato, è la domanda.” Perchè deve esserci necessariamente qualcosa di buono? Anzi, visto di cosa stiamo parlando, c’è poco di buono da aspettarsi. L’autrice dice semplicemente: “Quello che troviamo dall’altra parte, beh, è la domanda.” Hai frainteso il significato avverbiale di “well”…

    Scrivo questo messaggio non per fare il saputello o roba simile, ma solo perchè leggendo l’intervista mi è sembrata molto strana e che tornasse poco e quindi sono andato a leggermela in inglese per capirla veramente…

  4. Elyn

    29 Settembre 2008 at 21:46

    In effetti anch’io avevo capito poco l’intervista, ma con queste precisazioni ha più senso…soprattutto xkè sono riportate anche le parole inglesi e qualcosina ci capisco…

  5. MaryJane

    30 Settembre 2008 at 18:22

    Bel lavoro Marko. Anch’io effettivamente non ero riuscita a capirlo molto bene. Grazie per la tua collaborazione. così ha decisamente più senso… molto interessante… ero rimasta con molti dubbi sul velo(e non solo su quello). Tutto l’ufficio Misteri è lasciato un pò in sospeso. ma forse è anche un bene che la Rowling non abbia spiegato tutto… sono buoni spunti di riflessione!

  6. grifondorina

    8 Ottobre 2008 at 18:32

    è davvero dire poko k jk rowling è un mito!! tt l’intreccio della storia… stupendo!!!

  7. lily90

    4 Gennaio 2009 at 19:11

    si ank’io rimango tuttora impressionata dalla bravura e dall’intelligenza acuta dlla rowling…….

  8. Nicolò Sesta

    22 Marzo 2018 at 16:14

    Una traduzione agghiacciante… Non si capisce niente…